10 CURIOSITÀ SU MILAN-TORINO

Secondo turno infrasettimanale della stagione per il Milan, che contro il Torino andrà alla ricerca della sesta vittoria consecutiva in campionato e di un cinque su cinque per quanto riguarda i successi nelle partite giocate a San Siro. Nell’attesa del fischio d’inizio, previsto per domani alle 20.45, ecco alcune curiosità e statistiche sulla sfida valida per la 10° giornata di Serie A.

SCONTRI DIRETTI
1- Sono 150 i precedenti tra Milan e Torino in Serie A: i rossoneri conducono per 62 successi a 33, completano 55 pareggi. I rossoneri, inoltre, non perdono da 25 partite casalinghe di campionato contro i granata (17 vittorie e 8 pari) e hanno vinto gli ultimi tre scontri diretti con un punteggio complessivo di 10-0.

STATO DI FORMA
2- Il Milan potrebbe vincere nove delle prime 10 gare stagionali di Serie A per la seconda volta nella sua storia, la prima dal 1954/55 con Béla Guttmann alla guida (9V, 1N).

3- I rossoneri vengono da cinque vittorie consecutive in Serie A: nella gestione di Stefano Pioli sei vittorie di fila sono arrivate soltanto tra luglio e ottobre 2020. Il Milan ha anche vinto le ultime quattro partite interne in campionato; l’ultimo allenatore rossonero con cinque successi consecutivi a San Siro in Serie A è stato Clarence Seedorf nel 2014.

STATISTICHE GENERALI
4- L’ultima volta che il Milan aveva segnato almeno 22 reti nelle prime nove partite stagionali di Serie A risaliva al 2002/03 (23 in quel caso). Questi 22 gol sono stati segnati da 11 calciatori diversi: nessuno in campionato ha fatto meglio.

FOCUS GIOCATORI
5-
 Dovesse segnare in questo incontro, Zlatan Ibrahimović raggiungerebbe due traguardi in contemporanea: 150 gol in Serie A e 400 marcature nei campionati nazionali in cui ha giocato in carriera. Con la maglia del Milan, l’attaccante svedese non ha mai segnato al Torino, una delle cinque squadre (su 29 affrontate nel campionato italiano) contro cui non ha trovato il gol in rossonero.

6- Dovesse trovare il gol in questo match, Olivier Giroud diventerebbe il secondo giocatore del Milan nell’era dei tre punti a vittoria a segnare in tutte le sue prime tre presenze casalinghe di Serie A. Il primo è stato Mario Balotelli nel 2013.

7- Rafael Leão ha preso parte ad un gol in ciascuna delle sue ultime tre gare di campionato (due reti e un assist); il portoghese potrebbe partecipare ad almeno una rete in quattro match di fila per la prima volta in Serie A.

8- Nell’ultimo match di campionato contro il Bologna, Ismaël Bennacer ha sia segnato che fornito un assist per la prima volta in un singolo incontro di Serie A. Tra i calciatori con almeno 60 minuti giocati in questo campionato, l’algerino è quello che ha giocato più palloni (100) in media per 90 minuti.

9- La prossima sarà la 50° presenza di Sandro Tonali con la maglia del Milan in tutte le competizioni.

10- L’ultimo dei tre gol di Tiemoué Bakayoko in Serie A è arrivato contro il Torino, nell’aprile 2021 con la maglia del Napoli.

GRAN VITTORIA A TORINO: 7-0 AI GRANATA

Bottino pieno per i rossoneri a Torino: dopo la vittoria di domenica all’Allianz Stadium, il Milan batte anche i granata con un punteggio netto e senz’appello. 7-0 il risultato finale al culmine di una prestazione importante, corale e di grande concentrazione. Una partita alla vigilia molto delicata è stata affrontata con coraggio, determinazione e soprattutto qualità. Tripletta di Rebić, doppietta di Theo e sigilli di Brahim e Kessie: sette gol segnati e zero subiti, per la terza partita consecutiva.

L’attacco gira, la difesa alza il muro e il Milan corre verso la qualificazione alla Champions League: un successo contro il Cagliari domenica sera, infatti, chiuderebbe definitivamente il discorso. Un primo match-point, dunque, in una partita che andrà affrontata con la stessa attitudine e la stessa euforia, con la voglia di andarsi a prendere la vittoria e con essa il principale obiettivo stagionale. Fondamentale, dopo questo bellissimo successo, mantenere altissima l’attenzione: appuntamento per domenica sera alle 20.45.

GUARDA: LA GALLERY DI TORINO-MILAN

LA CRONACA

Primo tempo a senso unico. I rossoneri entrano in campo con il piglio giusto e schiacciano il Torino, sfiorando il vantaggio già al 6′, quando Lyanco e Bremer, dopo aver chiuso su Çalhanoğlu, rischiano l’autorete. La spinta è costante e il vantaggio arriva al 19′: Brahim taglia il campo e appoggia per Theo, che dal limite batte Sirigu con un sinistro potentissimo in diagonale. Passa un minuto ed è quasi raddoppio: cross di Theo, girata di testa di Kessie e gran parata di Sirigu, sulla respinta Castillejo calcia sporco e colpisce il palo. Al minuto 25′ ecco il 2-0: Lyanco interviene in ritardo su Castillejo in area, è calcio di rigore e Kessie dal dischetto si riscatta dopo l’errore di domenica. Prima occasione per il Toro al 38′, quando Çalhanoğlu sbaglia un disimpegno nella nostra area di rigore, Zaza libera Bremer al tiro ma Gigio salva tutto.

La ripresa inizia di nuovo nel migliore dei modi e al 50′ Díaz trova il 3-0: Kessie ruba palla a Linetty e la offre a Brahim che di sinistro batte Sirigu. Al 57′ ancora Brahim colpisce la traversa con una deviazione di spalla un po’ fortunosa in mischia, ma al 62′ ecco il poker: azione perfetta di ripartenza, Rebić serve il taglio centrale di Theo, che con un morbido pallonetto trova la doppietta personale. Nel giro di cinque minuti, tra il 67′ e il 72′, il Milan trova il quinto e il sesto gol della serata, entrambi firmati da Rebić: prima su assist di Krunić, poi in ripartenza a porta sguarnita su gentile concessione di Leão. Ancora Rebić al 79′, per la tripletta personale: sponda di Krunić e gol di ginocchio del croato per lo 0-7. Finisce così.

TORINO-MILAN: I NUMERI DELLA SFIDA

Un successo importante, per dimensioni ma soprattutto per il peso specifico dei punti in palio: il Milan concede il bis sotto la Mole, battendo il Torino dopo la Juventus, e si conferma padrone del suo destino nella corsa alla prossima Champions League. Il successo per 7-0 sui granata conferma i rossoneri al 3° posto anche al termine della 36° giornata di Serie A. Una vittoria che ha anche generato i seguenti numeri:

1- Il Milan ha vinto la 15° trasferta in questo campionato, eguagliando il record di successi esterni in una singola stagione di Serie A.

2- È la prima vittoria dei rossoneri con sette gol di scarto dal giugno 1959 (Udinese, 7-0).

3- Il Milan ha segnato sette gol in una partita di campionato dal 12 maggio 1996 (Cremonese, 7-1). In trasferta, i rossoneri non realizzavano sette reti in una singola partita dall’ottobre 1992 (Fiorentina, 7-3).

4- È la prima vittoria del Milan in casa del Torino dal dicembre 2012. I rossoneri non vincevano entrambe le trasferte di Serie A contro granata e Juventus dal 1967/68.

5- Franck Kessie è il primo centrocampista del Milan ad aver superato la doppia cifra di gol in un singolo campionato di Serie A da Kaká nel 2008/09. L’ivoriano è il terzo centrocampista del Milan ad aver preso parte attiva ad almeno 15 reti (11 gol e quattro assist) in un singolo campionato dalla stagione 2004/05.

6- Ante Rebić è il primo giocatore del Milan ad aver realizzato una tripletta contro il Torino in Serie A da Carlos Bacca nell’agosto 2016.

7- Theo Hernández è uno dei due difensori dei Top 5 campionati europei ad aver realizzato almeno sei reti in ciascuna delle ultime due stagioni, assieme a Robin Gosens. Il francese è l’unico difensore dei Top 5 campionati europei ad avere messo a segno due marcature multiple in questa stagione. Hernández, inoltre, è arrivato a quota sette gol in questo campionato, superando il totale della scorsa stagione.