GENOA-MILAN: I DUELLI

 

Sono tanti i motivi che rendono Genoa-Milan un crocevia importante della stagione rossonera: la voglia di riscatto è tanta dopo due sconfitte di fila in campionato, ma quella guidata da Andriy Shevchenko è una squadra a caccia di punti importanti nella rincorsa alla salvezza. Quella del Ferraris è una partita delicata, da affrontare con la massima attenzione e determinazione. Una sfida da vincere anche nei duelli individuali: nel nostro consueto focus ve ne andiamo a presentare quattro che potrebbero animare l’incontro di domani sera.

NICOLÒ ROVELLA vs SANDRO TONALI
Due giovani centrocampisti emergenti della generazione Z, sempre presenti in questa prima parte di campionato e punti fermi delle rispettive squadre. 14 partite da titolare su 14 per Rovella, il più giovane centrocampista nei Top 5 campionati europei ad averne disputate così tante finora. Il nativo di Segrate è uno dei rossoblù più presenti nelle diverse fasi di gioco: primo per assist, passaggi effettuati (in assoluto e nella metà campo offensiva) e cross effettuati. Quest’ultima è una statistica in cui primeggia in casa rossonera Tonali – anche lui sempre presente nelle 14 giornate disputate – che contro il Genoa a Marassi trovò il suo primo gol in A nell’ottobre 2019. Un duello destinato a ripetersi nei prossimi anni, anche in chiave azzurra.

CALEB EKUBAN vs RAFAEL LEÃO
Velocità, dribbling e forza fisica, da una parte e dall’altra. L’attaccante genoano, classe 1994, è ancora alla ricerca del primo gol nella competizione nonostante i 12 tentativi effettuali, di cui tre nello specchio della porta. Ci è andato molto vicino domenica alla Dacia Arena di Udine. L’italo-ghanese ha finora racimolato 10 presenze e 512 minuti complessivi, sei volte titolare e quattro volte da sostituto. Al fianco di Pandev o Bianchi, potrà creare seri grattacapi alla nostra retroguardia. Leão, primo nel Milan per dribbling effettuati, tiri (sia nello specchio che fuori) e falli subiti, sta invece vivendo la sua stagione della consacrazione ed è forte di un dato importante: quando in campionato ha segnato, il Milan ha sempre vinto.

ANDREA CAMBIASO vs THEO HERNÁNDEZ
Tra i giocatori emergenti del Genoa c’è anche il genovese classe 2000, all’esordio in A dopo aver collezionato 7 presenze lo scorso anno nel ritorno nella massima serie dell’Empoli. Per Cambiaso (in gol alla prima a Marassi contro il Napoli) il confronto diretto è quello con uno dei migliori esponenti della fascia sinistra nel nostro campionato: con l’assist per il gol di Romagnoli al Sassuolo, Theo ha raggiunto quota 5 in stagione e nessuno ha fatto meglio fino ad ora in A. È la terza stagione (su tre in rossonero) con almeno cinque assistenze per il terzino francese, alla ricerca della prima rete stagionale in trasferta: l’ultima risale alla doppietta segnata al Torino lo scorso 12 maggio.

SALVATORE SIRIGU vs MIKE MAIGNAN
Non solo gioventù: il Genoa è formazione che si basa anche su alcuni elementi d’esperienza e uno di questi è il portiere sardo, che dopo la vittoria di Euro 2020 con la Nazionale sta vivendo la prima stagione in rossoblù. Sempre presente nelle prime 14 giornate, Sirigu è uno dei sei portieri del nostro campionato ad avere già accumulato almeno 40 parate in stagione; di fronte avrà un altro reduce (anche lui da secondo portiere) dell’Europeo in Maignan, che torna sul campo dove esordì in Serie A lo scorso 23 agosto. Il numero 16 rossonero, tornato domenica scorsa dall’infortunio dopo 6 gare d’assenza, è uno dei migliori cinque portieri del nostro campionato per % di parate (72%).

A MILANELLO SI VOLTA PAGINA

Squadra a Milanello questa mattina per il primo allenamento in preparazione della prossima partita di campionato fissata per mercoledì 1° dicembre alle 20.45 a Marassi contro il Genoa di Shevchenko.

REPORT
Lavoro di scarico in palestra per gli undici partenti a San Siro, in campo – dopo aver effettuato l’attivazione muscolare all’interno – il resto della rosa. Il gruppo ha proseguito con una serie di esercitazioni tecniche che hanno preceduto la parte di sessione dedicata al possesso palla. Infine, spazio alla consueta partitella su campo ridotto.

MARTEDÌ 30 NOVEMBRE
Il programma di domani prevede un solo allenamento al mattino.

10 CURIOSITÀ SU GENOA-MILAN

Genoa-Milan è alle porte. Prima del campo, diamo un occhio alle principali curiosità legate alla 15° giornata di Serie A dei rossoneri in programma mercoledì 1° dicembre alle 20.45 allo stadio Luigi Ferraris:

SCONTRI DIRETTI

1- Sarà il 107° Genoa-Milan: 52 successi rossoneri contro i 20 liguri, 34 pareggi completano il quadro nella competizione.

2- Genoa e Milan hanno pareggiato solo due delle ultime quindici partite di Serie A, tuttavia uno di questi è arrivato proprio nella gara d’andata della scorsa stagione al Ferraris (2-2). Il punteggio più frequente tra queste due squadre in Serie A è l’1-0 per il Milan (finale di 20 volte, l’ultimo a marzo 2018).

PRECEDENTI IN CASA DEL GENOA

3- Il maglie calcio Milan poco prezzo è rimasto imbattuto nelle ultime quattro trasferte contro il Genoa in Serie A (3V, 1N) e non registra una striscia di imbattibilità di almeno cinque gare in casa del Grifone da quella tra il 1989 e il 2007 (1V, 6N).

4- Il Milan ha realizzato esattamente due gol in ognuna delle ultime tre trasferte contro il Genoa in Serie A; solo una volta ha segnato almeno due reti in quattro match di fila in casa del Grifone tra il 1932 e il 1935.

STATISTICHE GENERALI

5- Nonostante il ribaltamento subito contro il Sassuolo, il Milan resta una delle due squadre (con il Napoli) ad aver perso meno punti dopo essere stato in vantaggio in questa Serie A (tre).

6- Nessuna squadra ha subito meno gol di testa del Milan in questa Serie A (uno); dall’altra parte sono otto quelli incassati dal Genoa, più di qualsiasi altra formazione.

FOCUS GIOCATORI

7- La prossima sarà la 200ª presenza con la maglia del Milan in tutte le competizioni per Franck Kessie. La sua unica rete contro il Genoa in Serie A è arrivata proprio al Ferraris su calcio di rigore nell’ottobre 2019.

8- L’unico gol finora realizzato da Pierre Kalulu in Serie A è arrivato nella gara d’andata della scorsa stagione contro il Genoa. Anche la prima rete in Serie A di Rade Krunić (ottobre 2015) e Sandro Tonali (ottobre 2019) è arrivata contro il Genoa.

9- Alessandro Florenzi ha segnato tre reti contro il Genoa in Serie A, sua vittima preferita nel torneo al pari del Bologna.

FOCUS ALLENATORI

10- Andriy Shevchenko è il secondo miglior marcatore nella storia del Milan in tutte le competizioni (175 gol, dietro al solo Gunnar Nordahl a 221).

MILAN-VENEZIA: SI VA VERSO I 27MILA SPETTATORI

Per la gara infrasettimanale di questa sera tra Milan e Venezia, attesi circa 27 mila spettatori allo stadio, con i tifosi che potranno ancora acquistare i biglietti online su singletickets.acmilan.com presso la biglietteria di Casa Milan, aperta fino alle 18.00.

Dopo le avvincenti partite contro il Cagliari e la Lazio, il pubblico è dunque pronto per vivere le emozioni rossonere a San Siro e sostenere la squadra di Mister Pioli.

CARICAMENTO…

«IL MILAN PER TUTTI» #RespACT

San Siro pronto ad accogliere i tifosi, tutti. Come annunciato ieri durante la presentazione del programma di inclusione del Club «Il Milan per tutti», alla presenza del Presidente Scaroni, si rafforzano infatti le iniziative di accessibilità gratuita allo stadio per i tifosi disabili e di fruizione del servizio di audiodescrizione per non vedenti e ipovedenti.

L’incontro tenutosi a Casa Milan è stata l’occasione per firmare il rinnovo di importanti collaborazioni insieme all’Ente Nazionale Sordi, alla Fondazione Istituto Dei Ciechi Di Milano Onlus e all’Unione Italiana dei Ciechi E degli Ipovedenti Onlus. Un impegno che si traduce in investimenti e progetti concreti, su cui il Club è pioniere in Italia. Per un Milan accessibile a tutti, ovunque: allo Stadio e sulle piattaforme digitali. Le iniziative sono parte del Manifesto RespAct, per l’inclusione, la diversità e l’eguaglianza.

Il Club invita come sempre tutti i sostenitori a godersi lo spettacolo, seguendo tutte le disposizioni in materia di salute e sicurezza. Indicazioni, info e suggerimenti anche sul sito acmilan.com

BRAHIM-THEO, IL MILAN VA: 2-0 AL VENEZIA

Theo per BrahimSaelemaekers per Hernández: sono due grandi gol a permettere al Milan di superare un ostico Venezia e centrare la quarta vittoria nelle prime cinque partite di campionato. A San Siro finisce 2-0, per la gioia dei quasi 30mila tifosi rossoneri che possono festeggiare una squadra che torna in cima alla Serie A, almeno per una notte. Un successo ottenuto al termine di una partita dominata ma insidiosa, che permette a Mister Pioli di portare a casa diverse indicazioni positive in vista dei prossimi impegni con SpeziaAtlético Madrid e Atalanta.

In copertina c’è senza dubbio Brahim Díaz, che trova il suo primo gol in carriera a San Siro per sbloccare il match a poco più di 20 minuti dalla fine. Una rete che nasce, come il 2-0, dall’ottimo impatto dei subentrati: Theo Hernández sale prima alla ribalta con l’assist per il numero 10, poi chiude la partita con il raddoppio, servito da un altro entrato a partita in corso come Alexis Saelemaekers. Generosa anche la prova di Leão sulla sinistra e Kalulu sulla destra, nuove conferme per Tonali in cabina di regia. Da segnalare anche la prima da titolare in rossonero di Fodé Ballo-Touré e l’esordio assoluto con il Milan di Pietro Pellegri.

GUARDA: LA GALLERY DI MILAN-VENEZIA

LA CRONACA
Tante novità di formazione per Mister Pioli, con l’esordio stagionale dal primo minuto per Kalulu e Ballo-Touré. Avvio contraddistinto da una lunga fase di studio, con il Milan che controlla il gioco tentando di scardinare l’attenta difesa veneziana. Il primo tentativo è di Rebić al 4′, ed è sempre Ante a rendersi pericoloso con un colpo di testa di poco alto al 24′. La prima vera chance è però di Kalulu, che si distende in avanti al 31′ e sfiora il gol con un destro rasoterra dopo un triangolo con Rebić. I rossoneri prendono coraggio nel finale di tempo, e in un minuto sfiorano due volte il vantaggio: al 36′ palla in mezzo di Leão su cui non arriva nessuno, al 37′ cross di Kalulu per Florenzi che sfiora di testa il secondo palo.

La prima occasione della ripresa è per Tonali, destro fuori al 50′. Due minuti più tardi ci prova Díaz, girando di sinistro al volo su sponda di Rebić: palla alta di poco. Pioli prova a mescolare le carte con gli ingressi di HernándezTomori e Saelemaekers, e al 68′ i rossoneri finalmente la sbloccano: Bennacer verticalizza su Theo sulla sinistra, cross tagliente per l’inserimento di Díaz che insacca da distanza ravvicinata per la gioia dei tifosi. Il gol sblocca il Milan, vicino al raddoppio al 77′ con una punizione di Hernández. Il terzino francese deve attendere altri 5 minuti per trovare la gioia del gol, dato che all’82′ va a segno con un sinistro tagliente dopo un bell’assist di Saelemaekers. É proprio del belga l’ultimo brivido in pieno recupero, con un destro da fuori alzato sopra la traversa da Mäenpää. Fischio finale.

IL TABELLINO

MILAN-VENEZIA 2-0

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Kalulu, Gabbia (13′ st Tomori), Romagnoli, Ballo-Touré (13′ st Hernández); Tonali, Bennacer; Florenzi (13′ st Saelemaekers), Díaz (35′ st Kessie), Leão; Rebić (28′ st Pellegri). A disp.: Jungdal, Tătăruşanu; Conti; Castillejo; Maldini. All.: Pioli.

VENEZIA (4-3-3): Mäenpää; Ebuehi (28′ st Mazzocchi), Caldara, Ceccaroni, Molinaro; Peretz (7′ st Črnigoj), Vacca (35′ st Tessmann), Busio; Aramu, Forte (7′ st Henry), Johnsen (28′ st Okereke). A disp.: Neri; Modolo, Schnegg, Svoboda; Bjarkason, Heymans, Kiyine. All.: Zanetti.

Arbitro: Pezzuto di Lecce
Gol: 23′ st Díaz (M), 37′ st Hernández (M)
Ammoniti: 25’ Forte (V), 31′ st Caldara (V)

SABATO DI ALLENAMENTO CON LA PRIMAVERA

Ultimo allenamento settimanale questa mattina a Milanello per i rossoneri di Mister Pioli che, come di consueto, si sono ritrovati per colazione prima di scendere negli spogliatoi.

IL REPORT

Dopo l’attivazione muscolare svolta in palestra il gruppo è uscito sul campo centrale dove, dopo aver ultimato il riscaldamento con un serie di torelli, ha disputato una partitella di allenamento con la formazione Primavera in due tempi da 25 minuti.

GIOIA SAELEMAEKERS: PRIMO GOL IN NAZIONALE

La copertina della domenica sera rossonera nelle nazionali è tutta di Alexis Saelemaekers: il numero 56 rossonero ha trovato il primo gol in carriera con la maglia dei «Diavoli Rossi» andando a segno nell’importante successo per 3-0 sulla Repubblica Ceca. Quella di Bruxelles è una vittoria che proietta il Belgio sempre più verso Qatar 2022: sono sei adesso i punti di vantaggio, proprio sui cechi, al comando del Gruppo E.

Alexis è subentrato al 57′ e il suo gol – un destro dagli undici metri ad anticipare l’uscita del portiere dopo l’assist di Romelu Lukaku – ha chiuso la pratica al 65′, dopo il doppio vantaggio firmato inizialmente proprio da Lukaku e da Eden Hazard. Una rete arrivata in quella che è stata la sua terza presenza in Nazionale.

Saelemaekers è stato anche l’unico milanista in campo nella giornata di ieri, dato che Davide Calabria e Alessandro Florenzi non sono stati impiegati da Roberto Mancini nello 0-0 dell’Italia contro la Svizzera a Basilea. Gli azzurri restano al comando del Gruppo C con 11 punti in 5 partite, a +4 sugli elvetici che di gare però ne hanno disputate tre.

PAREGGIO PER KALULU, MALDINI IN CAMPO CON L’U20

Kalulu in campo 90 minuti nel pareggio della Francia U21 contro le Fær Øer. La nazionale transalpina, in vantaggio con Gouiri all’8′, è stata raggiunta a inizio ripresa da Lokin. Le due formazioni ora condividono la testa del Gruppo H di qualificazione agli Europei, i francesi hanno però giocato una partita in meno.

Ancora spazio con l’U20 italiana per Daniel Maldini: dopo aver giocato da titolare la partita del Torneo 8 Nazioni, vinta contro la Polonia, ieri è subentrato a Cangiano al 74′ nell’amichevole poi persa contro la Serbia.

NAZIONALI: I ROSSONERI CONVOCATI

Tanti rossoneri impegnati su diversi fronti. Tornano le nazionali, nella prima finestra a loro dedicata nella stagione 2021/22. Saranno 12 i nostri calciatori che si uniranno alle rispettive selezioni durante questa sosta. Dopo l’estate riprende la corsa a Qatar 2022 con le qualificazioni alla prossima Coppa del Mondo, e parallelamente continua anche la fase di qualificazione a Euro 2023-U21.

Se in Europa le qualificazioni mondiali riprendono dopo la parentesi estiva di Euro 2020, nel continente africano inizia in questa finestra il secondo turno (di tre), con la volontà da parte delle squadre di partire nel migliore dei modi. In Europa c’è un potenziale Derby rossonero, con Francia-Bosnia dell’1 settembre che vedrà contrapporsi MaignanHernández e Krunić. Gli impegni verso Qatar 2022 coinvolgeranno, oltre al portiere ex Lille, anche altri tre rossoneri: Ballo-Touré, con il Senegal; Calabria Florenzi, con l’Italia Campione d’Europa.

Mike Maignan e Theo Hernández: Francia

  • 1 settembre 2021: Francia-Bosnia, Strasburgo (Francia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 4 settembre 2021: Ucraina-Francia, Kiev (Ucraina) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Francia-Finlandia, Lione (Francia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Simon Kjær: Danimarca

  • 1 settembre 2021: Danimarca-Scozia, Copenaghen (Danimarca) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 4 settembre 2021: Fær Øer-Danimarca, Tórshavn (Fær Øer) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Danimarca-Israele, Copenaghen (Danimarca) – Qualificazioni Mondiali 2022

Fodé Ballo-Touré: Senegal

  • 1 settembre 2021: Senegal-Togo, Thiès (Senegal) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Congo-Senegal, Brazzaville (Congo) – Qualificazioni Mondiali 2022

Rade Krunić: Bosnia

  • 1 settembre 2021: Francia-Bosnia, Strasburgo (Francia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 4 settembre 2021: Bosnia-Kuwait, Zenica (Bosnia) – Amichevole
  • 7 settembre 2021: Bosnia-Kazakistan, Zenica (Bosnia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Alexis Saelemaekers: Belgio

  • 2 settembre 2021: Estonia-Belgio, Tallinn (Estonia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 5 settembre 2021: Belgio-Repubblica Ceca, Bruxelles (Belgio) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 8 settembre 2021: Bielorussia-Belgio, Kazan (Russia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Davide Calabria e Alessandro Florenzi: Italia

  • 2 settembre 2021: Italia-Bulgaria, Firenze (Italia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 5 settembre 2021: Svizzera-Italia, Basilea (Svizzera) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 8 settembre 2021: Italia-Lituania, Reggio Emilia (Italia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Ismaël Bennacer: Algeria

  • 2 settembre 2021: Algeria-Djibouti, Blida (Algeria) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Burkina Faso-Algeria, Marrakech (Marocco) – Qualificazioni Mondiali 2022

Pierre Kalulu: Francia U21

  • 2 settembre 2021: Francia-Macedonia del Nord, Le Mans (Francia) – Qualificazioni Euro 2023-U21
  • 6 settembre 2021: Fær Øer-Francia, Toftir (Fær Øer) – Qualificazioni Euro 2023-U21

Alessandro Plizzari e Sandro Tonali: Italia U21

  • 3 settembre 2021: Italia-Lussemburgo, Empoli (Italia) – Qualificazioni Euro 2023-U21
  • 7 settembre 2021: Italia-Montenegro, Vicenza (Italia) – Qualificazioni Euro 2023-U21

ALLA SOSTA: CON IL PIEDE GIUSTO

0-1 a Marassi contro la Sampdoria, 4-1 a San Siro contro il Cagliari, finalmente di fronte al pubblico rossonero. Dopo l’intenso ciclo di amichevoli estive, la stagione ufficiale è iniziata con il piede giusto per i rossoneri. Sei punti nelle prime due giornate, per la seconda stagione consecutiva: nel 2020/21 la formazione di Mister Pioli aveva battuto all’esordio il Bologna a San Siro, confermandosi allo Scida di Crotone alla seconda giornata. Un inizio di campionato in questi termini, come nelle ultime due annate, si era già verificato nel biennio 2002/03-2003/04, con Carlo Ancelotti alla guida.

Grandi prove di squadra, ottime prestazioni dei singoli. Lo ha spiegato anche Mister Pioli a margine di Milan-Cagliari, ai microfoni di DAZN, sottolineando la crescita di giocatori come Sandro Tonali – che a San Siro ha trovato il suo primo gol in rossonero, così come Giroud -, Rafael Leão Rade Krunić. Con il Cagliari si è interrotta la striscia di 6 partite consecutive in Serie A con la porta inviolata, ma la difesa ha comunque dato l’ennesima conferma di stabilità e compattezza.

Sono state due prestazioni diverse, quelle contro Samp e Cagliari: la prima ha evidenziato una squadra pronta a soffrire, all’occorrenza. La seconda, con la spinta emotiva dei tifosi a San Siro, ha permesso al Milan di esprimere tutto il suo potenziale qualitativo.

Queste due settimane di pausa dal campionato permetteranno ad alcuni giocatori, per esempio Zlatan Ibrahimović, di proseguire il recupero dai rispettivi infortuni, mentre molti rossoneri partiranno con le rispettive nazionali. Da queste prime due giornate Mister Pioli cercava delle risposte, e le ha avute: il Milan c’è, è sul pezzo ed è pronto per affrontare la stagione.