MILAN-VENEZIA: SI VA VERSO I 27MILA SPETTATORI

Per la gara infrasettimanale di questa sera tra Milan e Venezia, attesi circa 27 mila spettatori allo stadio, con i tifosi che potranno ancora acquistare i biglietti online su singletickets.acmilan.com presso la biglietteria di Casa Milan, aperta fino alle 18.00.

Dopo le avvincenti partite contro il Cagliari e la Lazio, il pubblico è dunque pronto per vivere le emozioni rossonere a San Siro e sostenere la squadra di Mister Pioli.

CARICAMENTO…

«IL MILAN PER TUTTI» #RespACT

San Siro pronto ad accogliere i tifosi, tutti. Come annunciato ieri durante la presentazione del programma di inclusione del Club «Il Milan per tutti», alla presenza del Presidente Scaroni, si rafforzano infatti le iniziative di accessibilità gratuita allo stadio per i tifosi disabili e di fruizione del servizio di audiodescrizione per non vedenti e ipovedenti.

L’incontro tenutosi a Casa Milan è stata l’occasione per firmare il rinnovo di importanti collaborazioni insieme all’Ente Nazionale Sordi, alla Fondazione Istituto Dei Ciechi Di Milano Onlus e all’Unione Italiana dei Ciechi E degli Ipovedenti Onlus. Un impegno che si traduce in investimenti e progetti concreti, su cui il Club è pioniere in Italia. Per un Milan accessibile a tutti, ovunque: allo Stadio e sulle piattaforme digitali. Le iniziative sono parte del Manifesto RespAct, per l’inclusione, la diversità e l’eguaglianza.

Il Club invita come sempre tutti i sostenitori a godersi lo spettacolo, seguendo tutte le disposizioni in materia di salute e sicurezza. Indicazioni, info e suggerimenti anche sul sito acmilan.com

BRAHIM-THEO, IL MILAN VA: 2-0 AL VENEZIA

Theo per BrahimSaelemaekers per Hernández: sono due grandi gol a permettere al Milan di superare un ostico Venezia e centrare la quarta vittoria nelle prime cinque partite di campionato. A San Siro finisce 2-0, per la gioia dei quasi 30mila tifosi rossoneri che possono festeggiare una squadra che torna in cima alla Serie A, almeno per una notte. Un successo ottenuto al termine di una partita dominata ma insidiosa, che permette a Mister Pioli di portare a casa diverse indicazioni positive in vista dei prossimi impegni con SpeziaAtlético Madrid e Atalanta.

In copertina c’è senza dubbio Brahim Díaz, che trova il suo primo gol in carriera a San Siro per sbloccare il match a poco più di 20 minuti dalla fine. Una rete che nasce, come il 2-0, dall’ottimo impatto dei subentrati: Theo Hernández sale prima alla ribalta con l’assist per il numero 10, poi chiude la partita con il raddoppio, servito da un altro entrato a partita in corso come Alexis Saelemaekers. Generosa anche la prova di Leão sulla sinistra e Kalulu sulla destra, nuove conferme per Tonali in cabina di regia. Da segnalare anche la prima da titolare in rossonero di Fodé Ballo-Touré e l’esordio assoluto con il Milan di Pietro Pellegri.

GUARDA: LA GALLERY DI MILAN-VENEZIA

LA CRONACA
Tante novità di formazione per Mister Pioli, con l’esordio stagionale dal primo minuto per Kalulu e Ballo-Touré. Avvio contraddistinto da una lunga fase di studio, con il Milan che controlla il gioco tentando di scardinare l’attenta difesa veneziana. Il primo tentativo è di Rebić al 4′, ed è sempre Ante a rendersi pericoloso con un colpo di testa di poco alto al 24′. La prima vera chance è però di Kalulu, che si distende in avanti al 31′ e sfiora il gol con un destro rasoterra dopo un triangolo con Rebić. I rossoneri prendono coraggio nel finale di tempo, e in un minuto sfiorano due volte il vantaggio: al 36′ palla in mezzo di Leão su cui non arriva nessuno, al 37′ cross di Kalulu per Florenzi che sfiora di testa il secondo palo.

La prima occasione della ripresa è per Tonali, destro fuori al 50′. Due minuti più tardi ci prova Díaz, girando di sinistro al volo su sponda di Rebić: palla alta di poco. Pioli prova a mescolare le carte con gli ingressi di HernándezTomori e Saelemaekers, e al 68′ i rossoneri finalmente la sbloccano: Bennacer verticalizza su Theo sulla sinistra, cross tagliente per l’inserimento di Díaz che insacca da distanza ravvicinata per la gioia dei tifosi. Il gol sblocca il Milan, vicino al raddoppio al 77′ con una punizione di Hernández. Il terzino francese deve attendere altri 5 minuti per trovare la gioia del gol, dato che all’82′ va a segno con un sinistro tagliente dopo un bell’assist di Saelemaekers. É proprio del belga l’ultimo brivido in pieno recupero, con un destro da fuori alzato sopra la traversa da Mäenpää. Fischio finale.

IL TABELLINO

MILAN-VENEZIA 2-0

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Kalulu, Gabbia (13′ st Tomori), Romagnoli, Ballo-Touré (13′ st Hernández); Tonali, Bennacer; Florenzi (13′ st Saelemaekers), Díaz (35′ st Kessie), Leão; Rebić (28′ st Pellegri). A disp.: Jungdal, Tătăruşanu; Conti; Castillejo; Maldini. All.: Pioli.

VENEZIA (4-3-3): Mäenpää; Ebuehi (28′ st Mazzocchi), Caldara, Ceccaroni, Molinaro; Peretz (7′ st Črnigoj), Vacca (35′ st Tessmann), Busio; Aramu, Forte (7′ st Henry), Johnsen (28′ st Okereke). A disp.: Neri; Modolo, Schnegg, Svoboda; Bjarkason, Heymans, Kiyine. All.: Zanetti.

Arbitro: Pezzuto di Lecce
Gol: 23′ st Díaz (M), 37′ st Hernández (M)
Ammoniti: 25’ Forte (V), 31′ st Caldara (V)

MILAN-VENEZIA: I NUMERI DELLA GARA

Una vittoria pesante e importante, arrivata nel quarto finale di gara grazie ai gol di Brahim Theo. Il successo interno nel turno infrasettimanale contro il maglie calcio Venezia poco prezzo, consegna a Mister Pioli un Milan reattivo e determinato, bravo nel leggere i momenti della partita: grande pazienza prima; spietata concretezza poi. Una gara che ha il timbro spagnolo dei due marcatori, e proprio loro sono tra i protagonisti delle 6 curiosità post-partita.

1- Il Milan ha tenuto la porta inviolata in otto delle 10 gare giocate in Serie A da inizio maggio, più di ogni altra squadra nel periodo nei cinque maggiori campionati europei.

2- Brahim Díaz ha trovato il suo primo gol a San Siro in Serie A alla 17° partita giocata nella competizione in questo stadio.

3- Theo Hernández è il primo difensore del Milan ad aver sia segnato che servito un assist in una singola partita di Serie A dal 2004/05.

4- Prima di Theo Hernández, l’ultimo giocatore del Milan capace di servire un assist e segnare in match di Serie A da subentrato è stato Maxi López, nel febbraio 2012 contro l’Udinese.

5- L’11 iniziale del Milan contro il Venezia è il più giovane schierato da una squadra in una partita di questa Serie A (24 anni e 166 giorni).

6- 50° presenza in Serie A per Alexis Saelemaekers.

SABATO DI ALLENAMENTO CON LA PRIMAVERA

Ultimo allenamento settimanale questa mattina a Milanello per i rossoneri di Mister Pioli che, come di consueto, si sono ritrovati per colazione prima di scendere negli spogliatoi.

IL REPORT

Dopo l’attivazione muscolare svolta in palestra il gruppo è uscito sul campo centrale dove, dopo aver ultimato il riscaldamento con un serie di torelli, ha disputato una partitella di allenamento con la formazione Primavera in due tempi da 25 minuti.

GIOIA SAELEMAEKERS: PRIMO GOL IN NAZIONALE

La copertina della domenica sera rossonera nelle nazionali è tutta di Alexis Saelemaekers: il numero 56 rossonero ha trovato il primo gol in carriera con la maglia dei «Diavoli Rossi» andando a segno nell’importante successo per 3-0 sulla Repubblica Ceca. Quella di Bruxelles è una vittoria che proietta il Belgio sempre più verso Qatar 2022: sono sei adesso i punti di vantaggio, proprio sui cechi, al comando del Gruppo E.

Alexis è subentrato al 57′ e il suo gol – un destro dagli undici metri ad anticipare l’uscita del portiere dopo l’assist di Romelu Lukaku – ha chiuso la pratica al 65′, dopo il doppio vantaggio firmato inizialmente proprio da Lukaku e da Eden Hazard. Una rete arrivata in quella che è stata la sua terza presenza in Nazionale.

Saelemaekers è stato anche l’unico milanista in campo nella giornata di ieri, dato che Davide Calabria e Alessandro Florenzi non sono stati impiegati da Roberto Mancini nello 0-0 dell’Italia contro la Svizzera a Basilea. Gli azzurri restano al comando del Gruppo C con 11 punti in 5 partite, a +4 sugli elvetici che di gare però ne hanno disputate tre.

PAREGGIO PER KALULU, MALDINI IN CAMPO CON L’U20

Kalulu in campo 90 minuti nel pareggio della Francia U21 contro le Fær Øer. La nazionale transalpina, in vantaggio con Gouiri all’8′, è stata raggiunta a inizio ripresa da Lokin. Le due formazioni ora condividono la testa del Gruppo H di qualificazione agli Europei, i francesi hanno però giocato una partita in meno.

Ancora spazio con l’U20 italiana per Daniel Maldini: dopo aver giocato da titolare la partita del Torneo 8 Nazioni, vinta contro la Polonia, ieri è subentrato a Cangiano al 74′ nell’amichevole poi persa contro la Serbia.

NAZIONALI: I ROSSONERI CONVOCATI

Tanti rossoneri impegnati su diversi fronti. Tornano le nazionali, nella prima finestra a loro dedicata nella stagione 2021/22. Saranno 12 i nostri calciatori che si uniranno alle rispettive selezioni durante questa sosta. Dopo l’estate riprende la corsa a Qatar 2022 con le qualificazioni alla prossima Coppa del Mondo, e parallelamente continua anche la fase di qualificazione a Euro 2023-U21.

Se in Europa le qualificazioni mondiali riprendono dopo la parentesi estiva di Euro 2020, nel continente africano inizia in questa finestra il secondo turno (di tre), con la volontà da parte delle squadre di partire nel migliore dei modi. In Europa c’è un potenziale Derby rossonero, con Francia-Bosnia dell’1 settembre che vedrà contrapporsi MaignanHernández e Krunić. Gli impegni verso Qatar 2022 coinvolgeranno, oltre al portiere ex Lille, anche altri tre rossoneri: Ballo-Touré, con il Senegal; Calabria Florenzi, con l’Italia Campione d’Europa.

Mike Maignan e Theo Hernández: Francia

  • 1 settembre 2021: Francia-Bosnia, Strasburgo (Francia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 4 settembre 2021: Ucraina-Francia, Kiev (Ucraina) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Francia-Finlandia, Lione (Francia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Simon Kjær: Danimarca

  • 1 settembre 2021: Danimarca-Scozia, Copenaghen (Danimarca) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 4 settembre 2021: Fær Øer-Danimarca, Tórshavn (Fær Øer) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Danimarca-Israele, Copenaghen (Danimarca) – Qualificazioni Mondiali 2022

Fodé Ballo-Touré: Senegal

  • 1 settembre 2021: Senegal-Togo, Thiès (Senegal) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Congo-Senegal, Brazzaville (Congo) – Qualificazioni Mondiali 2022

Rade Krunić: Bosnia

  • 1 settembre 2021: Francia-Bosnia, Strasburgo (Francia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 4 settembre 2021: Bosnia-Kuwait, Zenica (Bosnia) – Amichevole
  • 7 settembre 2021: Bosnia-Kazakistan, Zenica (Bosnia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Alexis Saelemaekers: Belgio

  • 2 settembre 2021: Estonia-Belgio, Tallinn (Estonia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 5 settembre 2021: Belgio-Repubblica Ceca, Bruxelles (Belgio) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 8 settembre 2021: Bielorussia-Belgio, Kazan (Russia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Davide Calabria e Alessandro Florenzi: Italia

  • 2 settembre 2021: Italia-Bulgaria, Firenze (Italia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 5 settembre 2021: Svizzera-Italia, Basilea (Svizzera) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 8 settembre 2021: Italia-Lituania, Reggio Emilia (Italia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Ismaël Bennacer: Algeria

  • 2 settembre 2021: Algeria-Djibouti, Blida (Algeria) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 7 settembre 2021: Burkina Faso-Algeria, Marrakech (Marocco) – Qualificazioni Mondiali 2022

Pierre Kalulu: Francia U21

  • 2 settembre 2021: Francia-Macedonia del Nord, Le Mans (Francia) – Qualificazioni Euro 2023-U21
  • 6 settembre 2021: Fær Øer-Francia, Toftir (Fær Øer) – Qualificazioni Euro 2023-U21

Alessandro Plizzari e Sandro Tonali: Italia U21

  • 3 settembre 2021: Italia-Lussemburgo, Empoli (Italia) – Qualificazioni Euro 2023-U21
  • 7 settembre 2021: Italia-Montenegro, Vicenza (Italia) – Qualificazioni Euro 2023-U21

ALLA SOSTA: CON IL PIEDE GIUSTO

0-1 a Marassi contro la Sampdoria, 4-1 a San Siro contro il Cagliari, finalmente di fronte al pubblico rossonero. Dopo l’intenso ciclo di amichevoli estive, la stagione ufficiale è iniziata con il piede giusto per i rossoneri. Sei punti nelle prime due giornate, per la seconda stagione consecutiva: nel 2020/21 la formazione di Mister Pioli aveva battuto all’esordio il Bologna a San Siro, confermandosi allo Scida di Crotone alla seconda giornata. Un inizio di campionato in questi termini, come nelle ultime due annate, si era già verificato nel biennio 2002/03-2003/04, con Carlo Ancelotti alla guida.

Grandi prove di squadra, ottime prestazioni dei singoli. Lo ha spiegato anche Mister Pioli a margine di Milan-Cagliari, ai microfoni di DAZN, sottolineando la crescita di giocatori come Sandro Tonali – che a San Siro ha trovato il suo primo gol in rossonero, così come Giroud -, Rafael Leão Rade Krunić. Con il Cagliari si è interrotta la striscia di 6 partite consecutive in Serie A con la porta inviolata, ma la difesa ha comunque dato l’ennesima conferma di stabilità e compattezza.

Sono state due prestazioni diverse, quelle contro Samp e Cagliari: la prima ha evidenziato una squadra pronta a soffrire, all’occorrenza. La seconda, con la spinta emotiva dei tifosi a San Siro, ha permesso al Milan di esprimere tutto il suo potenziale qualitativo.

Queste due settimane di pausa dal campionato permetteranno ad alcuni giocatori, per esempio Zlatan Ibrahimović, di proseguire il recupero dai rispettivi infortuni, mentre molti rossoneri partiranno con le rispettive nazionali. Da queste prime due giornate Mister Pioli cercava delle risposte, e le ha avute: il Milan c’è, è sul pezzo ed è pronto per affrontare la stagione.

COMUNICATO UFFICIALE: MESSIAS JUNIOR

maglie calcio Milan poco prezzo,nuova maglia Milan è lieto di annunciare di aver acquisito, a titolo temporaneo con opzione per l’acquisizione definitiva, le prestazioni sportive del calciatore Walter Messias Junior dal Crotone FC.

Il calciatore indosserà la maglia numero 30.

Nato a Ipatinga (Brasile) il 13 maggio 1991, Messias si trasferisce in Italia nel 2011, dove veste le maglie di Casale e Chieri, prima di fare il proprio esordio nel calcio professionistico con il Gozzano. Nell’estate 2019 passa al Crotone con cui conquista la promozione in Serie A e, in due stagioni con la squadra calabrese, totalizza 72 presenze e 15 gol.