ICC 2019: I CONVOCATI PER L’AMERICA

Sono 27 i rossoneri a disposizione per la prima parte della tournée

A Milanello, dopo il pareggio nel test contro il Novara (1-1 con il gol di Theo Hernández), Mister Giampaolo ha diramato le prime convocazioni ufficiali della stagione 2019/20. Per la parte principale dell’International Champions Cup 2019 che si giocherà in America, dove il Milan sfiderà il Bayern Monaco (martedì 23 alle 20.00 locali a Kansas City, le 03.00 italiane) e il Benfica(domenica 28 alle 15.00 locali a Foxborough, le 21.00 italiane), il nuovo allenatore rossonero avrà a disposizione 27 giocatori. Ecco la lista completa:

PORTIERI: A. Donnarumma, G. Donnarumma, Plizzari, Reina
DIFENSORI: Calabria, Conti, Gabbia, Hernández, Musacchio, Rodríguez, Romagnoli, Strinić
CENTROCAMPISTI: Biglia, Bonaventura, Brescianini, Çalhanoğlu, Krunić, Mionić
ATTACCANTI: André Silva, Borini, Capanni, Capone, Castillejo, Cutrone, Maldini, Suso, Piątek.

KRUNIĆ: «MILAN, IMPATTO FANTASTICO»

Rade si presenta: «Mi sto trovando benissimo, presto sarò al massimo, con Giampaolo ci divertiremo»

A Milanello è il giorno di Hernandez e Krunic. I nuovi acquisti rossoneri, i primi del calciomercato estivo in corso, sono stati presentati ufficialmente in conferenza stampa alla vigilia della partenza della squadra in America per l’International Champions Cup 2019. Queste, trasmesse in diretta su FacebookYouTube e Milan TV, tutte le parole e le emozioni di Rade:

PRIMO IMPATTO
«La prima impressione è stata fantastica, come me l’aspettavo. Sono in una grande società, finora mi sto trovando benissimo e non vedo l’ora di giocare in questa squadra indossando la maglia rossonera. Sognavo il Milan fin da bambino, soprattutto da quando sono in Italia. Sono felicissimo di essere diventato un giocatore di livello e di essere in questo grande club«.

LA CONDIZIONE
«Sto bene, molto meglio, ho già iniziato a fare qualcosa in gruppo. Forse potevo già tornare in squadra ma non abbiamo voluto rischiare, penso che in America riprenderò la condizione massimale«.

SUL SUO RUOLO
«Sono una mezz’ala moderna, abile in entrambe le fasi di gioco. Prima mi dicevano che assomigliavo ad Hamsik, ma penso che lui abbia più qualità tecniche e io invece più fisiche. Il mio idolo è Kaká anche se lui era più offensivo e trequartista, per caratteristiche guardo tantissimo anche De Bruyne. Mi sento molto maturato rispetto ai primi anni in Italia: la mia qualità più importante è l’accelerazione palla al piede. Mi sento forte sia tecnicamente che fisicamente«.

SU MISTER GIAMPAOLO
«Lo conosco da quattro anni, è stato il mio primo allenatore in Italia. Non è cambiato: ha una grande visione di gioco, gli piace il possesso di palla e per noi giocatori ci sarà da divertirsi in campo. Noi giovani potremo crescere molto con lui. Il Mister si meritava questa chance e potrà fare molto bene al Milan, come ha già fatto all’Empoli e alla Sampdoria«.

SU BENNACER
«Per me sarebbe prontissimo per il Milan, è fortissimo. In passato ho giocato con calciatori come Pjanic e Paredes in posizione da play, secondo me Bennacer è vicino a loro come livello. Sarei contento se arrivasse«.

 

HERNÁNDEZ: «SPERO DI GIOCARE E VINCERE MOLTO»

Le dichiarazioni del nuovo acquisto rossonero: «Mi sono sempre ispirato a Maldini»

Dopo le prime settimane di allenamento, e alla vigilia della partenza per la International Champions Cup, Theo Hernández si è presentato alla stampa a Milanello, insieme all’altro nuovo acquisto rossonero Rade Krunic. Questi i passaggi salienti della conferenza stampa del difensore francese.

I PRIMI GIORNI AL MILAN
«Per me è un piacere, sono contentissimo di essere qui. La sensazione dei primi giorni è stata molto piacevole, i miei compagni mi hanno accolto molto calorosamente. Sono sereno e spero di poter giocare tantissime partite al fianco dei miei compagni«.

L’INCONTRO CON MALDINI
«Devo dire che è un grandissimo orgoglio sedermi qui al fianco di Paolo Maldini, che è stato e sarà sempre il miglior terzino al mondo. Ci siamo visti a Ibiza, mi ha spiegato benissimo quello che sarebbe successo. Io in quella sede ho espresso la volontà di giocare per il Milan, ma non posso rivelare ciò che ci siamo detti, resta tra di noi. Ora continuerò a lavorare, sono in un club in cui posso crescere ancora. Spero di ricevere tantissimi consigli da parte di Paolo, non solo di gioco ma anche di vita«.

LE PAROLE DI PAOLO
«Quando uno come Maldini dichiara che posso diventare uno dei tre difensori laterali migliori al mondo, le sue parole non possono che caricarmi ed emozionarmi tantissimo«.

GLI IDOLI D’INFANZIA
«Da piccolo mi ispiravo proprio a Paolo Maldini, mentre da alcuni anni sto ammirando moltissimo Marcelo come gioca, è un terzino favoloso. Al Real Madrid mi dava tantissimi consigli e grazie a lui sono cresciuto e sto crescendo tantissimo come giocatore. Lo osservavo tanto in campo e grazie a lui mi trovo qui adesso«.

MALDINI: «INVESTIREMO, MA SENZA FRETTA»

Paolo: «Mercato lungo, dobbiamo sbagliare il meno possibile». A Milanello anche le parole di Massara

A Milanello, al fianco di Rade Krunic e Theo Hernandez in occasione della loro conferenza stampa di presentazione ufficiale, ha parlato Paolo Maldini. Queste le dichiarazioni del Direttore dell’Area Tecnica del Milan, in particolare sui nuovi acquisti e in generale sul calciomercato:

SU KRUNIC ED HERNÁNDEZ
«Di Krunic avevamo parlato già nella scorsa stagione, sapendo che sarebbero partiti diversi centrocampisti e giocando d’anticipo con il ragazzo e il suo agente. Rade ha già fatto vedere cose positive e ha ancora ampi margini di miglioramento. Con Hernandez a sinistra siamo coperti, ma siamo sempre a caccia di giocatori forti e funzionali. Se ci saranno le condizioni, cercheremo di prendere altri giocatori di questo tipo. Theo ha grandi qualità, ha già giocato e vinto la Champions League. È uno dei migliori terzini del mondo e dovrà avere come obiettivo quello di arrivare tra i primi tre. La sua idea era quella di aprire un nuovo capitolo della carriera ed era il momento perfetto per arrivare al Milan«.

SUL CALCIOMERCATO
«Il mercato è fatto di opportunità, trattative e scelte. Vedo in giro grande fretta ma il mercato chiude il 2 settembre. La volontà è di consegnare il prima possibile a Giampaolo la squadra al completo, ma non dipende solo da noi. Modric non l’abbiamo mai trattato, anche se abbiamo sempre detto che cerchiamo giocatori giovani ma anche d’esperienza. Il profilo di Modric sarebbe perfetto per far crescere dei giovani, ma non è mai stato trattato. Il mercato è lungo, in certi ruoli abbiamo delle necessità ma diversi profili sono costosi. Numericamente abbiamo l’esigenza di intervenire, ma senza fretta e sbagliando il meno possibile. L’idea è di fare felice la proprietà, il Mister e i tifosi. Ci vuole calma e tranquillità nel migliorare questa squadra. Abbiamo ancora diversi giocatori della rosa che devono tornare dopo le vacanze, come Paquetá e Kessie«.

LEGGI: LE PAROLE DI HERNÁNDEZ

Nell’ambito della conferenza stampa è intervenuto anche Frederic Massara, Direttore Sportivo rossonero, che ha offerto altri spunti riguardo alle diverse situazioni di calciomercato che coinvolgono il Club:

«Le percentuali hanno poco senso in questo momento, il mercato è fatto di opportunità che si creano sia in entrata che in uscita. Sono valutazioni che faremo in maniera ponderata, ma con obiettivi e strategie chiarissime. Sappiamo molto bene ciò che ci serve, ci confrontiamo quotidianamente con Mister Giampaolo, che è un allenatore che vuole conoscere i propri giocatori. Questa squadra è già molto competitiva e faremo innesti mirati. Numericamente lavoreremo su un’integrazione a livello difensivo, dopodiché saremo pronti a cogliere tutte le opportunità che possono rinforzare questa squadra. Molti profili sono accostati al Milan, stiamo valutando. Vogliamo inserire solo profili funzionali in una squadra che è già forte«.

Un negozio online di maglie calcio shop. Troverai tutte le magliette personalizzate e gli abiti da allenamento di tutti maglie calcio AC Milan personalizzate

JUNGDAL È UN NUOVO CALCIATORE DEL MILAN

Il portiere danese ha firmato un contratto con il Club fino al 30 giugno 2022

AC Milan comunica di aver acquisito dal Vejle Boldklub il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Andreas Kristoffer Jungdal. Il portiere danese approda al Club rossonero a titolo definitivo e ha sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2022.

Andreas Kristoffer Jungdal, nato il 22 febbraio 2002, ha iniziato a giocare tra i pali all’età di cinque anni al Skibet IF prima di passare, nel 2013, al Vejle Boldklub. Jungdal vanta, inoltre, 6 presenze nella Nazionale U17 della Danimarca.
Da oggi inizia la sua avventura con il Milan e farà parte della rosa della squadra Primavera.

ROSSONERI SUBITO AL LAVORO A BOSTON

Risveglio muscolare al The Charles Hotel nel primo giorno

È partita l’International Champions Cup 2019 rossonera. La squadra, dopo essere atterrata a Boston nel pomeriggio (le 17.00 locali), è arrivata al The Charles Hotel dove ha subito effettuato il primo leggero lavoro di questa tournée americana. In particolare, i giocatori di Mister Giampaolo hanno svolto un risveglio muscolare in palestra prima di cena.

Da domenica 21 luglio cominceranno i veri e propri allenamenti per continuare la preparazione estiva iniziata a Milanello. In programma una sola sessione, alle 18.00, all’Harvard Ohiri Training Center.

GUARDA: LE IMMAGINI DEL VIAGGIO DELLA SQUADRA

MILAN TV-ICC: COPERTURA TOTALE

Speciali, curiosità, esclusive, eventi: negli USA a tutto campo

ECCO BAYERN-MILAN
Le 3 partite rossonere saranno in onda su Milan TV a mezzanotte, rispettivamente fra il 24 e 25 luglio Bayern-Milan la prima, fra il 29 e 30 luglio Milan-Benfica, fra il 4 e 5 agosto 2019 invece Manchester United-Milan.

LA STRISCIA QUOTIDIANA
Da domenica 21 luglio a lunedì 29 sarà in onda sul Club channel rossonero una striscia quotidiana dedicata alla ICC, ogni giorno da metà pomeriggio in poi, della durata di circa 15 minuti.

CON NOI NEGLI USA
Interviste esclusive arricchite da immagini dedicate: al lavoro così negli Stati Uniti Milan TV, in particolar modo per i contenuti relativi a Kris Piatek e Pepe Reina, protagonisti del gruppo rossonero.

COLORE ROSSONERO
La vita degli chef, le italian lesson e molto altro: i prodotti editoriali Milan TV dal fronte International Champions Cup non saranno solo tecnici, ma anche di intrattenimento e di evasione.

EVENTI USA-ICC
Con Puma e con Konami, con Boglioli e con Pes: gli eventi rossoneri negli Stati Uniti saranno tutti seguiti dalle telecamere del Club Channel rossonero per dare risonanza e visibilità a tutte le attività che sostengono il mondo Milan.

IN AMERICA È LA VIGILIA DI BAYERN-MILAN

Rossoneri al lavoro prima a Boston e poi a Kansas City: il report e la gallery

Allenamento mattutino, all’Harvard Ohiri Training Center, per i rossoneri. Dopo il lavoro di domenica pomeriggio, la squadra è tornata in campo per aggiungere uno step importante nella preparazione di Bayern Monaco-Milan. Divisi in due gruppi, uno impegnato dalle 9.30 locali e uno dalle 10.30, i giocatori hanno effettuato degli esercizi di potenziamento nella fase atletica e dei passaggi nella fase tecnica. Poi spazio alla tattica, nello specifico attacco contro difesa.

GUARDA: LA GALLERY DELL’ALLENAMENTO

A seguire i rossoneri si sono diretti all’aeroporto per lasciare momentaneamente Boston e spostarsi a Kansas City, dove si è svolta la conferenza stampa di Mister Giampaolo e Andrea Conti al Children’s Mercy Park – lo stadio che ospiterà la gara – e la rifinitura allo Swope Soccer Village. Mercoledì 24 luglio alle 3.00 italiane (martedì 23 alle 20.00 locali) ci sarà l’esordio nella ICC 2019.

OP-ED: L’OCCASIONE MANCATA

Benedetto e l’autografo di Franco Baresi sfuggito per poco

Occasioni mancate: dall’autografo di Baresi all’esclusione di Lentini. Stagione 1994-1995: per il Milan una cavalcata non proprio all’altezza delle precedenti. La rosa necessita di qualche fresco innesto e Capello comincia a guardarsi intorno anche se, alla fine, rimarrà con noi. Non é comunque tutto da buttare: ci sono i gol di Simone, la forma recuperata di Lentini e una finale di Champions League raggiunta dopo aver battuto, in semifinale, il PSG di Weah. A Maggio il Milan giocherà contro l’Ajax a Vienna. Ma ora facciamo un passo indietro e torniamo alla mia avventura. Il 23 Aprile 1995, si gioca in campo neutro a BolognaTorino-Milan. Il giorno prima della partita, in parrocchia, sento un pettegolezzo: il Milan si fermerà, nella tarda mattinata di domenica, alla Polisportiva San Faustino di Modena, a pochi passi da casa mia, per una sgambata mattutina prima di raggiungere Bologna. Io penso ad una bufala ma il giorno successivo mi presento comunque alla polisportiva, devo solo fare una breve passeggiata e attraversare il parco.

C’è gente ma non tantissima e mi avvicino all’edificio dove ci sono gli spogliatoi che si trova ad una decina di metri dal campo principale. Ci sono transenne provvisorie, io mi appoggio e aspetto. Ad un certo punto, escono dallo spogliatoio per raggiungere il campo Franco Baresi e altri membri della rosa. Ricordo il capitano, Eranio e Melli che fanno esercizi di riscaldamento sotto lo sguardo dei preparatori e, dopo un’ora circa, vanno a cambiarsi e risalgono sul pullman. Baresi è il piú cercato e alla fine mi devo accontentare dell’autografo di Melli nonostante l’inchiostro della mia penna abbia deciso di seccarsi all’improvviso. Il 23 Aprile 1995, al Dall’Ara, Milan batte il Toro 5 a 1 con una doppietta di Donadoni e una brillante prestazione di Lentini che, col senno di poi, avrebbe dovuto giocare tutta la finale di Vienna. Un rammarico sicuramente, ma la tristezza durerà poco: l’estate ci porterà Baggio e Weah e vinceremo ancora.

di Benedetto Bellei Mussini

La soffiata e l’intuizione furono giuste, ti resterà il rammarico di non aver avuto sul tuo taccuino l’autografo del capitano. Rimarrà però il ricordo di aver visto i rossoneri da vicino, e un’emozione così di certo non si può cancellare. 

OP-ED è la tua storia in rossonero, è il tuo racconto, è la tua prima volta, è la partita che non scorderai mai, la trasferta memorabile, la tua vittoria più bella, la tua emozione più grande vissuta con il Milan.

Raccontacela.

Ogni settimana raccoglieremo le vostre storie e ne sceglieremo una da pubblicare qui, su acmilan.com, sarà l’ennesima prova d’amore da parte dei tifosi per il Diavolo. Ti basterà compilare il form qui sotto e raccontarci la tua storia in rossonero, al resto pensiamo noi. Le storie pubblicate di settimana in settimana, saranno inserite in un box virtuale dove sceglieremo la storia più bella del mese. A fine stagione i vostri racconti mensili più belli vi daranno un’opportunità unica: passare una giornata a Casa Milan respirando la storia del club. Con un padrone di casa d’eccezione, Franco Baresi, che vi accompagnerà in una giornata interamente vissuta a tinte rossonere. OP-ED è il Milan che ti ascolta e che ti legge, partecipa anche tu a un’esperienza unica nel suo genere. Scrivi la tua storia legata ai colori rossoneri, la più bella la pubblichiamo noi.