KESSIE EVITA IL KO: MILAN-UDINESE 1-1

Alla fine è un punto guadagnato. A San Siro, nella 25° giornata di Serie A, il Milan non va oltre l’1-1 contro l’Udinese ma lo raggiunge all’ultimo secondo su calcio di rigore. Kessie ha salvato i rossoneri da una sconfitta che sembrava ormai segnata, complici il gol di Becão e in generale una prestazione opaca. Non ci si poteva aspettare una prova – e un atteggiamento – così sottotono dei rossoneri dopo la vittoria dell’Olimpico, sono mancate convinzione e qualità. C’erano delle assenze molto importanti, però non bastano per spiegare le troppe difficoltà viste in campo. Da salvare c’è solo quasi il pareggio. I bianconeri hanno giocato coperti e ordinati, uscendo alla distanza, creando di più nella ripresa e andando vicini al colpo grosso. I rossoneri salgono a quota 53 in classifica, accorciando poco dalla vetta e riducendo il proprio vantaggio rispetto a Juve, Atalanta e Roma. Nel weekend, domenica 7 marzo alle 15.00, il Diavolo sfiderà l’Hellas Verona al Bentegodi.

Leão punta, Kalulu terzino, titolari anche Díaz e Castillejo: queste le principali novità di formazione. È buono l’approccio del Milan, che nelle battute iniziali comanda un possesso palla abbastanza sterile. Udinese corta e stretta, difficile trovare spazi per attaccare: il primo pericolo lo crea Díaz al 19′ con un tiro a giro dal limite bloccato da Musso. Davvero rare emozioni, le uniche sono comunque dei rossoneri: al 38′ rovesciata di Leão troppo debole; al 39′ Castillejo va in slalom e poi calcia, respinge il portiere. Dupliche fischio.
Meïte al posto di Tonali, comincia la ripresa. Che brivido al 48′: errore di Hernández nel retropassaggio, Pereyra recupera, salta Donnarumma e crossa per Nestorovski che colpisce di testa a botta sicura, provvidenziale il salvataggio di Romagnoli. Si accende la gara: al 51′ ci prova Meïte dalla distanza e soprattutto al 52′ Kessie colpisce di testa, parate di Musso in tuffo. Al 68′ arriva la doccia fredda: Becão svetta – sugli sviluppi di un angolo – e segna anche grazie all’incertezza di Donnarumma. I bianconeri finiscono in dieci per l’uscita per infortunio di Samir (a cambi terminati), il Diavolo produce poco ma trova lo stesso il pareggio allo scadere su rigore: al 97′ fallo di mano di Stryger Larsen, dal dischetto Kessie non sbaglia. Triplice fischio.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *