MICHELIS-GOL, 1-1 CON L’ATALANTA

Sale a quattro la striscia di partite consecutive senza sconfitte del Milan Primavera, che a Zingonia raccoglie un bel pari contro una diretta concorrente come l’Atalanta: al gol in avvio di Michelis risponde, nella ripresa, Gyabuaa per l’1-1 finale. Un risultato giusto tra due squadre che si sono equivalse, producendo diverse occasioni da gol e mostrando trame di buon calcio. Per i ragazzi di Giunti è una conferma in positivo dopo i pari con Roma e Genoa e la vittoria contro il Cagliari.

Da segnalare, in primo luogo, la grande prestazione di Nikos Michelis: secondo gol stagionale per il difensore greco, autore anche di almeno tre interventi decisivi. Buona la prova anche degli altri componenti della retroguardia odierna – StangaCoubisOddi – e della mediana, con la prova di grande generosità messa in campo da Frigerio e Mionić. I rossoneri salgono così a quota 24 punti in classifica, presentandosi al meglio al big match di sabato prossimo contro la Juventus.

GUARDA LA GALLERY DI ATALANTA-MILAN

 

Due novità per Giunti rispetto al successo contro il Cagliari, con il ritorno dal primo minuto di Stanga – al centro della difesa – e Tonin. Partita molto contratta in avvio, con le due squadre che si studiano. Il primo acuto arriva al 10′, ed è quello del vantaggio del Milan: calcio d’angolo di El Hilali, colpo di testa di Michelis e palla che si insacca in rete per l’1-0. L’Atalanta accusa il colpo, e sono i rossoneri a rendersi ancora pericolosi con un paio d’iniziative di El Hilali al 21′ e al 26′. Passata la prima mezz’ora, si fanno vedere i padroni di casa: prima il palo di Cortinovis al 35′, poi è Michelis a sventare i tentativi di Kobacki al 39′ e Sidibe al 42′.

La ripresa parte con i nerazzurri alla ricerca del pari, ma la coppia StangaMichelis si conferma provvidenziale nel disinnescare i tentativi di Vorlicky al 50′ e Kobacki al 54′. L’Atalanta però insiste, e al minuto 69 trova il pari con Gyabuaa, lesto a raccogliere la sponda di Scalvini sugli sviluppi di un corner. Incassato l’1-1, il Milan risponde producendo un bel finale di partita. Prima l’occasione di Frigerio, che all’82’ scaglia un gran destro da fuori impegnando Dajcar in una parata difficile; poi con il contropiede dei subentrati Nasti N’Gbesso al 89′, con quest’ultimo che non riesce a cogliere l’attimo giusto. Ultimo tentativo in pieno recupero per i padroni di casa, con Jungdal che respinge su Vorlicky al 91′.

MILAN-SAMPDORIA: I NUMERI DELLA SFIDA

Un pareggio agrodolce. Milan-Sampdoria ha prodotto l’1-1 come verdetto del campo, strappato nel finale grazie al gol di Hauge, ma anche alcuni numeri. Vediamoli, al termine della 29° giornata di Serie A a San Siro:

1- Il Milan non ha vinto alcuna delle ultime sei partite casalinghe in tutte le competizioni (3N, 3P): non accadeva dal dicembre 2013 con Massimiliano Allegri alla guida.

2- Questa è la terza volta che il Milan non effettua nemmeno un tiro nello specchio in un primo tempo di questa Serie A: le precedenti contro lo Spezia (a febbraio) e contro l’Atalanta (a gennaio).

3- I rossoneri sono la squadra che hanno colpito più legni in questa Serie A (19).

4- Il primo tiro nel match del Milan è arrivato al minuto 30: i rossoneri non avevano mai effettuato la prima conclusione così tardi in una partita di questa Serie A (in precedenza il record erano i 26 minuti contro lo Spezia).

5- Un solo clean sheet nelle ultime otto partite di Serie A per il Diavolo: i rossoneri ne avevano ottenuti 4 nelle precedenti otto.

6- Secondo gol in Serie A per Hauge, entrambi da subentrato: solo Piccoli è più giovane del norvegese tra i subentranti che hanno segnato almeno due reti in questo campionato.

FOCUS SU TATTICA E RAPIDITÀ VERSO IL PARMA

Forte vento anche questa mattina a Milan, dove la squadra si è ritrovata a colazione prima di scendere in campo per l’allenamento odierno. Presenti a Milanello anche Paolo Maldini e Frederic Massara.

IL REPORT

Inizio in palestra per l’attivazione muscolare; al termine squadra in campo, sul centrale, dove ha cominciato l’allenamento con alcune esercitazioni atletiche eseguite tra gli ostacoli bassi e le sagome, con focus sulla rapidità. Il lavoro con il pallone è stato inaugurato da una serie di esercizi due contro due su campo ridotto, poi il lavoro sul possesso ha preceduto la fase tattica dell’allenamento odierno.

GUARDA: LA GALLERY DELL’ALLENAMENTO

LA SQUADRA ACCELERA, SAMP NEL MIRINO

Allenamento pomeridiano per i rossoneri, che si sono trovati alle ore 12 per il pranzo prima di scendere negli spogliatoi per iniziare la seduta.

IL REPORT
Prima parte in palestra per l’attivazione muscolare; a seguire il gruppo si è spostato sul campo centrale, dove ha proseguito il lavoro con alcuni esercizi, eseguiti con l’ausilio di attrezzi e pesi. L’allenamento è terminato con una serie di esercitazioni sulla rapidità.

GUARDA: LA GALLERY DELL’ALLENAMENTO

RAPIDITÀ E PARTITELLA A MILANELLO

Una calda giornata di sole questa mattina a Milan ha accolto la squadra, sempre a ranghi ridotti, per l’allenamento odierno al quale hanno assistito anche Paolo Maldini e Frederic Massara.

IL REPORT
Attivazione muscolare in palestra prima di uscire sul campo, il centrale, dove il gruppo ha proseguito il riscaldamento con una serie di esercizi focalizzati sulla rapidità. Al termine, partita di allenamento a ranghi misti con la formazione Primavera: due tempi da 30 minuti su campo ridotto.

GUARDA: LA GALLERY DELL’ALLENAMENTO

SOSTA IN ARCHIVIO CON UN OTTIMO BOTTINO FINALE

Con le partite di mercoledì sera si è conclusa questa sosta per le Nazionali, l’ultima della stagione. Bottino quasi pieno per i rossoneri: cinque vittorie e una sconfitta.

Per la terza gara consecutiva, nella terza giornata di qualificazione al Mondiale 2022, Donnarumma ha difeso la porta dell’Italia senza subire reti per la quinta volta di fila: nel 2-0 a Vilnius, in casa della Lituania, Gigio è stato provvidenziale su Eliosius al 73′ – quando il parziale era solo 1-0 – con una parata difficile e di notevole importanza.

Verdetto ancora più netto per la Danimarca di Kjær, 4-0 a Vienna ai danni dell’Austria: Simon, da capitano, ha guidato la squadra dall’inizio alla fine del match. Sia Italia (Gruppo C) che Danimarca (Gruppo F) sono in vetta a punteggio pieno. È andata male, invece, alla Bosnia ed Erzegovina di Krunić. A Sarajevo la Francia si è imposta 1-0, con Rade titolare e poi sostituito all’86’. Un inizio di girone in salita per i gialloblù, fermi a quota uno in classifica.

E ancora: panchine per Zlatan Ibrahimović nell’amichevole Svezia-Estonia 1-0 e per Pierre Kalulu in Islanda-Francia 0-2, successo che ha qualificato i Blues ai Quarti di Finale dell’Europeo U21. Nella stessa competizione, Diogo Dalot ha preso parte a tutti i 93 minuti di Svizzera-Portogallo 0-3, guadagnandosi anche lui la fase a eliminazione diretta – ad attenderlo gli azzurrini Gabbia e Tonali – in programma dal 31 maggio al 6 giugno in Ungheria e Slovenia.

FIORENTINA-MILAN: I NUMERI DELLA SFIDA

Un successo pesante, prima della sosta, per rilanciarsi al secondo posto e non mollare gli obiettivi stagionali. Il Milan reagisce a Firenze con una prova di forza e di coraggio. Andiamo a leggere le statistiche e i numeri prodotti dalla partita dello Stadio Artemio Franchi.

1- Il Milan ha vinto 12 delle prime 14 trasferte stagionali in Serie A (1N, 1P), era successo solo quattro volte per una squadra nella storia della Serie A – l’Inter nel 2006/07, la Juventus nel 2017/18 e nel 2018/19 e il Napoli nel 2017/18.

2- Nonostante rimangano ancora cinque trasferte per i rossoneri in questa Serie A, il Milan ha eguagliato il suo record di vittorie fuori casa in un singolo campionato di Serie A (12, come nel 2004/05 e nel 2011/12).

3- Zlatan Ibrahimović, a 39 anni e 169 giorni, è il giocatore più anziano a raggiungere quota 15 gol in un singolo campionato di Serie A.

4- Zlatan Ibrahimović è il primo giocatore del Milan ad aver segnato almeno 15 reti nelle prime 15 presenze in un singolo campionato di Serie A nell’era dei tre punti a vittoria (dal 1994/95 ad oggi); in generale, è il quinto straniero a riuscirci dal 1994/95 con Cristiano Ronaldo nel torneo in corso, Icardi nel 2017/18, Trezeguet nel 2005/06 e Batistuta nel 1994/95.

5- Prima di Zlatan Ibrahimovic, l’ultimo giocatore del Milan ad aver segnato almeno 15 gol in una singola stagione di Serie A era stato Carlos Bacca nel 2015/16 (18).

6- Zlatan Ibrahimović non segnava in Serie A al Franchi dal settembre 2006, con la maglia dell’Inter: 14 anni e 193 giorni da allora.

7- Hakan Çalhanoğlu ha segnato quattro gol in Serie A contro la Fiorentina, almeno due in più che contro qualsiasi altra avversaria nel torneo.

8- Ciascuno dei due gol di Brahim Díaz in Serie A è arrivato in trasferta – l’altro lo scorso settembre, a Crotone.

9- Simon Kjær ha servito due assist in questo match, a 4438 giorni dall’unico precedente fornito in Serie A, nel gennaio 2009, contro l’Udinese, con la maglia del Palermo.

NAZIONALI: I ROSSONERI CONVOCATI

Tanti rossoneri impegnati su diversi fronti. Tornano le nazionali, nella prima finestra a loro dedicata nel 2021. Saranno 14 i nostri calciatori che si uniranno alle rispettive selezioni durante questa sosta. Inizia la Fase Finale a gironi di Euro 2021-U21, che designerà le «magnifiche otto» che in estate si contenderanno il titolo continentale.

In questa fase scenderanno in campo Sandro Tonali, Matteo Gabbia, Brahim Díaz, Pierre Kalulu (alla prima convocazione in U21) e Diogo Dalot. Contemporaneamente iniziano le Qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022 per le nazionali maggiori, con tanti rossoneri che scenderanno in campo. Spicca, tra loro, il ritorno di Zlatan Ibrahimović, convocato a quasi cinque anni dall’ultima apparizione con la maglia della Svezia (22 giugno 2016, Euro 2016). Franck Kessie e Ismaël Bennacer disputeranno invece le ultime due partite di qualificazione alla Africa Cup of Nations 2022.

Matteo Gabbia e Sandro Tonali: Italia U21

  • 24 marzo 2021: Repubblica Ceca-Italia, Celje (Slovenia) – Fase Finale a gironi Euro 2021-U21, prima giornata
  • 27 marzo 2021: Spagna-Italia, Maribor (Slovenia) – Fase Finale a gironi Euro 2021-U21, seconda giornata
  • 30 marzo 2021: Italia-Slovenia, Maribor (Slovenia) – Fase Finale a gironi Euro 2021-U21, terza giornata

Hakan Çalhanoğlu: Turchia

  • 24 marzo 2021: Turchia-Olanda, Istanbul (Turchia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 27 marzo 2021: Norvegia-Turchia, Malaga (Spagna) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 30 marzo 2021: Turchia-Lettonia, Istanbul (Turchia) – Qualificazioni Mondiali 2022

Gianluigi Donnarumma: Italia

  • 25 marzo 2021: Italia-Irlanda del Nord, Parma (Italia) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 28 marzo 2021: Bulgaria-Italia, Sofia (Bulgaria) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 31 marzo 2021: Lituania-Italia, Vilnius (Lituania) – Qualificazioni Mondiali 2022

Jens Petter Hauge: Norvegia

  • 24 marzo 2021: Gibilterra-Norvegia, Gibilterra – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 27 marzo 2021: Norvegia-Turchia, Malaga (Spagna) – Qualificazioni Mondiali 2022
  • 30 marzo 2021: Montenegro-Norvegia, Podgorica (Montenegro) – Qualificazioni Mondiali 2022

22 marzo 2021 MILANELLO: INIZIA LA SOSTA

Ritrovo questa mattina a Milanello per i rossoneri, dopo la vittoria in campionato a Firenze, per un allenamento a ranghi ridotti a causa delle numerose assenze dei giocatori convocati con le rispettive selezioni nazionali.

IL REPORT
Scarico in palestra per chi ha giocato dall’inizio al Franchi, in campo il resto dei giocatori disponibili che hanno effettuato lavoro aerobico prima di una serie di partitelle su campo ridotto.

7 CURIOSITÀ SU MILAN-MANCHESTER UTD

Milan-Manchester United a San Siro e la memoria non può che tornare al 2007. Dolcissimi ricordi, ma adesso conta solo il presente. Dal ritorno della Semifinale di Champions League al ritorno dell’Ottavo di finale di questa Europa League, stasera i rossoneri ripartono e difendono l’1-1 dell’Old Trafford per inseguire la qualificazione. Avviciniamoci alla grande sfida, in campo alle 21.00, attraverso 7 curiosità:

1- Il Milan ha vinto quattro delle cinque partite casalinghe contro il Manchester United in competizioni europee, tutte arrivate in Coppa Campioni o Champions League. Ha perso la gara del febbraio 2010, l’ultima in ordine di tempo, con la doppietta di Wayne Rooney per gli ospiti.

2- Quando non è riuscito a vincere l’andata in casa, il Manchester United è stato eliminato in sei delle ultime otto sfide in competizioni europee; inclusa quella contro il Milan nel 2004-05 in Champions League.

3- I Red Devils  ha vinto le ultime due trasferte contro squadre italiane in competizioni europee, l’ultima contro la Juventus nel novembre 2018. Prima di questa serie aveva ottenuto il successo solo tre volte su sedici tentativi (3N, 10P).

4- I rossoneri hanno mantenuto la porta inviolata solo una volta nelle ultime nove partite casalinghe in competizioni europee (comprese le qualificazioni), incassando sei gol nelle ultime tre in Europa League in questa stagione.

5- Il Milan potrebbe raggiungere i Quarti di finale di una competizione europea per la prima volta dalla Champions League 2011-12 quando eliminò l’Arsenal negli Ottavi di finale vincendo l’andata 4-0 a San Siro (con l’ultimo gol segnato da Ibrahimović) e perdendo 3-0 il ritorno.

6- Diogo Dalot è il difensore che ha recuperato più palloni in questa Europa League (60) tra quelli ancora presenti nella competizione.

7- Franck Kessie ha segnato un solo gol in Europa League in diciannove presenze, rete arrivata nell’ultima partita casalinga dei rossoneri nella competizione contro la Stella Rossa.